olio di oliva parte 2

L’olio di oliva compensa poi vari problemi che sono stati dovuti in passato da una compromessa attività cerebrale dovuta alla mancanza di ossigeno anche se non è chiaro come questi acidi grassi vadano di influire sul cervello stesso punto gli omega-3 sviluppano anche una forma di protezione al nostro DNA che è il componente chimico che protegge il nostro materiale genetico. l’olio di oliva è costituito dalla frantumazione e dalla successiva spremitura delle olive il termine oleum si viene dal latino. L’olio d’oliva è disponibile in varie quantità e qualità che riflettono il grado di elaborazione e la cultura di origine. Nonostante abbia un sapore delicato l’olio di oliva ha dei benefici sulla salute che sono potenti. E sin dai tempi dell’antichità di creta o della Siria l’olio d’oliva è stato trattato come cibo come carburante come legame tra persone come medicina e come simbolo di pace e di saggezza. Il consumo dell’olio d’oliva risale fino al 3000 avanti Cristo dirittura e non è chiaro come gli ulivi si arrivati negli Stati Uniti ma se notato che i coloni dal 1500-1700 abbiano in un iniziato a trapiantare olio d’oliva, probabilmente proveniente dalla Spagna. Ad oggi l’olio d’oliva è uno degli elementi fondamentali della dieta mediterranea è la maggiore paradisi paesi produttori di olio d’oliva solo la Spagna con il 36% della produzione totale, l’Italia con il 25% la produzione totale e la Grecia con il 18% anche se altri paesi relativamente nuovi alla cultura dell’olio d’oliva si stanno lanciando in questo settore come vari paesi del Sudamerica come il Cile o l’Australia .